Caffè: dalla piantagione alla tazza

Per i bevitori di caffè, fermati un momento e considera quanto sia importante il ruolo del caffè nella tua esistenza quotidiana. La tua sveglia mattutina, il tuo pick-up pomeridiano o una delizia dopo cena. Delizioso, funzionale e spesso non gustato al massimo. Il caffè solubile, è comodo ed economico, ma privo di gusto. Pertanto, ci siamo impegnati a immergerci in profondità nel mondo del caffè e portare alla luce, in una serie in 3 parti, la sua storia, le migliori miscele e i migliori strumenti per massimizzare il piacere di bere il caffè. La prima parte inizia con la storia.

Storia

Tutti riconoscono un chicco di caffè tostato, ma a meno che tu non abbia vissuto o viaggiato in un paese in cui si coltiva il caffè, potresti non riconoscere una vera pianta del caffè. Potato corto in coltivazione, ma in grado di crescere più di 30 piedi di altezza, una pianta del caffè è ricoperta da foglie cerose verde scuro che crescono l'una di fronte all'altra a coppie. Le ciliegie del caffè crescono lungo i rami dell'albero. Ci vuole quasi un anno perché una ciliegia maturi dopo la fioritura dei fragranti fiori bianchi. Poiché cresce a ciclo continuo, non è raro vedere fiori, frutti verdi e frutti maturi contemporaneamente su un unico albero. Gli alberi possono vivere fino a 20-30 anni e sono in grado di crescere in un'ampia gamma di climi, purché non vi siano forti fluttuazioni di temperatura. In modo ottimale, preferiscono un terreno ricco e temperature miti, con piogge frequenti e sole ombreggiato.

Il caffè fa risalire la sua eredità biologica a un genere di piante noto come Coffea. All'interno del genere ci sono oltre 500 generi e 6.000 specie di alberi e arbusti tropicali. Considerando che le piante di caffè possono variare da piccoli arbusti ad alberi ad alto fusto, con foglie di dimensioni da 1 a 40 centimetri, e dal viola o giallo, al predominante verde scuro, di colore, è stato stimato che ce ne siano da 25 a 100 specie di piante di caffè. Nell'industria del caffè commerciale, ci sono due importanti specie di caffè: arabica e canephora, più comunemente chiamate robusta.



Coffea Arabica

Discende dalle piante di caffè originali scoperte in Etiopia. Questi alberi producono un caffè fine, delicato e aromatico e rappresentano circa il 70% della produzione mondiale di caffè.

Coffea Robusta

Coltivato in Africa centrale e occidentale, parti del sud-est asiatico, inclusi Indonesia e Vietnam, e in Brasile. La produzione di robusta è in aumento, sebbene rappresenti solo il 30% circa del mercato mondiale. Rispetto all'arabica, i chicchi robusta producono un caffè dal gusto caratteristico e circa il 50-60% in più di caffeina. La robusta è utilizzata principalmente nelle miscele e per i caffè solubili.

Il caffè viene coltivato in circa 70 paesi in tutto il mondo, quindi è difficile decidere dove vengono prodotti i chicchi migliori. Alla luce di questo abbiamo chiesto l'aiuto esperto del signor Guy Eardley-Wilmot, Coffee Taster presso Sea Island Coffee che rovescia i fagioli e ci accompagna in un breve viaggio in alcune delle principali regioni di coltivazione del caffè del mondo.