Ape to Gentleman incontra Chris Robshaw

Ape to Gentleman dedica alcuni momenti al fitto programma di Chris Robshaw per intervistare il capitano dell'Inghilterra e degli Harlequins prima di Inghilterra-Francia nel 6 Nazioni del 2013. Impariamo a conoscere la vita della star del rugby dentro e fuori dal campo.

Chris Robshaw per Harlequins

CB: Quale persona ha influenzato maggiormente la tua carriera nel rugby?

CR: Molti amici e parenti sono sempre stati molto solidali, ma in termini di sviluppo, probabilmente Colin Osbourne, l'allenatore dell'accademia degli Harlequins, ha contribuito a sviluppare le capacità individuali di tutti i giocatori.

CB: Ti innervosisci prima di una partita importante o ti piace la sfida?

CR: Penso che un po 'di nervosismo sia sempre naturale e capiti, ma penso che ti ecciti molto di più per le sfide che ti attendono ora.

CB: Questa volta l'anno scorso sei stato annunciato come capitano dell'Inghilterra, congratulazioni. Quando eri piccolo sognavi di suonare per l'Inghilterra o eri convinto (attraverso il duro lavoro) che sarebbe successo?

'Non ho mai pensato di essere destinato a giocare per l'Inghilterra, ovviamente da bambino ho sempre sognato di giocare per loro e di correre in giro da bambino con le tue magliette da rugby.'

Giocare per l'Inghilterra e diventare capitano dell'Inghilterra ha richiesto molto duro lavoro, poiché ai tempi dell'Accademia ho avuto molti brutti infortuni tra cui un piede rotto, una gamba, la ricostruzione dell'ACL e una mano rotta. Quindi c'è stata molta riabilitazione e fisioterapia.

CB: Chi è il giocatore più duro che tu abbia mai affrontato nel rugby mondiale?

CR: Penso che Rocky Elsom fosse piuttosto duro quando era qui, penso che abbia vinto MOM praticamente in ogni partita europea che ha giocato.

CB: I giocatori di rugby sono generalmente considerati sportivi robusti. Hai notato qualche cambiamento nell'atteggiamento dei giocatori di rugby nei confronti della moda e della cura della pelle? Ad esempio, vedi più prodotti per la cura della pelle da uomo nei camerini?

CR: Non posso fare paragoni da troppo tempo fa perché non ho giocato così a lungo. Penso che i giocatori siano più interessati alla loro moda e ai prodotti per la pelle. Dalla mia esperienza ho una crema idratante nella mia borsa e vari prodotti.

Chris Robshaw per gli sponsor Maximuscle

CB: Cosa mangi in una giornata tipo e anche nel giorno della partita?

CR: In un giorno di partita, normalmente alcune uova strapazzate al mattino con burro di arachidi su pane vogue, un frullato di banana e proteine. Poi prima di andare, se sono le 15:00 un panino con insalata di pollo e crema di insalata, forse anche una barretta proteica se ho ancora fame, ma non vuoi sentirti troppo pieno o pesante.

CB: Hai una routine di cura della pelle?

CR: Niente di specifico, ma dopo la doccia mi metto un po 'di crema idratante sul viso.

CB: Qual era il tuo soprannome a scuola?

CR: Robbo.

Stadio di Twickenham, Londra

CB: Il momento più memorabile della tua vita è stato?

CR: Uno di questi è sicuramente essere nominato capitano dell'Inghilterra e guidare i ragazzi a Twickenham per la prima volta, cantando lì l'inno nazionale con altre 80.000 persone che cantano con te.

CB: Se dovessi scegliere un'altra professione quale sarebbe?

CR: Mi piacerebbe essere un golfista professionista e viaggiare per il mondo giocando i migliori campi. Torna al campo pratica vado.

CB: Se avessi un consiglio che potresti dare a chiunque, quale sarebbe?

'Assicurati di provare a goderti quello che fai e di lavorarci duro.'

CB: Infine, qual è l'unica domanda che avresti voluto ti fosse stata posta?

CR: Non sono sicuro…. pasto cattivo preferito da fare a casa… .. probabilmente fajitas.

England Rugby e Chris Robshaw supportano il Maximuscle Protein Project . Dai un'occhiata ai video e alle interviste e individua la tua star dello sport preferita.